Snocciolare curricula mi procura sonnolenza, reputo più divertenti le liste della spesa. Allergica a schemi e formule omologanti, presento il neonato pantablog alla mia maniera, svelando attitudini personali in tono informale:
– scrivo per diletto da tempo, incapace di domare un inchiostro che scorre libero spaziando in ambiti tanto differenti; qui nel web, all’allure della stilografica sostituisco i tasti felpati della tastiera, ergo, racconto di tutto un po’.
– Un decennio d’esperienza maturata nell’universo dell’interior design, mi ha regalato una certa disinvoltura nell’ambito dell’arredo e décor, ergo, luci puntate su ”living and home”.
– Indosso “chipao”, battendo in tempismo noti stilisti che solo da poco osano avvicinarsi alla cultura orientale, ergo, nel mirino “fashion and style”.
– Ho allenato le papille gustative attovagliata a deschi stellati, a tavoli genuini di trattorie ruspanti, non disdegnando la saggezza delle antiche osterie, ergo, indice puntato su ristoranti e locali
Viaggiare emoziona, si assaporano ed esplorano confini. Se la V è maiuscola, e non impacchettata, poesia e avventura si mescolano in un abbraccio arricchente, ergo, conosco un’isola che per i più ancora non c’è!

E non finisce qui, “Se telefonando” è un caleidoscopio, foriero di ricchi spunti, esattamente quanti la fantasia ne suggerirà. Dietro ad ogni squillo la sorpresa… Nessun nome si è rivelato più adatto di quello scelto, tributo non pianificato all’ugola d’oro e alla comune città di provenienza. Vivo a Cremona, quando non siamo altrove, con mio marito Alberto. Con lui, intenso ed unico, vedo il mondo a colori, condividendo passione e passioni.

img-ABOUT-1

 

Tag: #Iltweetdelmercoledì

There are 10 posts tagged as #Iltweetdelmercoledì.

|Il tweet del mercoledì|”Caccia all’errore”

Spesso il tranello lo tesse il T9 che, aiutato da fretta e pressappochismo, compone parole mai neppure pensate o, non meno imbarazzante, lemmi da moderno dizionario analfabeta, ergo di grande attualità. Il più delle volte però l’errore è esclusivamente frutto dell’ignoranza grassa di chi scrive, capace di collezionare una serie di e/orrori in un unico breve pezzo: basta leggere alcuni articoli di una testata a caso, tanto nello strafalcione sono tutte democratiche quanto basta, per imbattersi nel funerale della grammatica, dell’ortografia e della sintassi. more

458

| Il tweet del mercoledì | “Attenti a quei tre”

Saltando da un canale televisivo all’altro, c’è quasi la certezza di trovarseli nella stessa sera tutt’e tre davanti, con pari indole predicatrice e medesimo slogan. Che riassunto, potrebbe essere così sintetizzato: vivo da sempre negli States, ma pontifico puntualmente nel Belpaese dalle larghe braccia accoglienti. more

497

| Il tweet del mercoledì | “Risparmiateci”

Se venisse istituito il premio alla costanza indesiderata, ci sarebbe una combattuta corsa ad accaparrarsi il podio da parte di uno degli infiniti call centers; che sia nel Belpaese o dislocato altrove poco importa, la pervicacia nel tediarti è sempre il suo asso nella manica.
Una vera noia, arrecata non solo dal telemarketing. more

672

| Il tweet del mercoledì | “Andamento lento”

La notizia ha raggiunto vasta eco, rimbalzando tra social e carta stampata, confermando un primato poco consolante: sei italiani su dieci non leggono neppure un libro all’anno.
Un andamento assai lento, pigro e allergico allo sforzo immane del voltar pagina, del giungere fino a un punto, non finale, non di un capitolo, semplicemente di una pagina.
L’esatto opposto della Russia, popolata da avidi lettori, fedeli alla corposa tradizione letteraria dei grandi classici senza tempo di casa propria, un po’ come i francesi, ed in testa alla classifica degli amanti della buona scrittura. more

490

| Il tweet del mercoledì | Signora…

Non è alla Lia cantata da Baglioni che si allude, quella tanto signora non lo è mai stata. L’occasione, per soffermarsi sulla pienezza del termine, la offrono due volti conosciuti e dal piglio deciso, chi con garbo e chi con impeto acceso, a far chiarezza laddove ancora qualcuno si ostina ad inciampare. more

860

| Il tweet del mercoledì | Cartomanti

Tredici milioni di italiani si affidano alla cartomanzia, così titola uno dei settimanali in auge da tempo; non si tratta di una delle tante fake news, la notizia fotografa un dato tristemente serio, orfano di ogni minimo sentore di faceto. more

880

| Il tweet del mercoledì | Stile

Se non lo si ricorda ora, finisce come l’anno scorso, riposto nell’armadio fino al sopraggiungere del prossimo freddo inverno. La primavera bussa, ma qualche giornata ventosa consente ancora di annoverare, tra i velli importanti, un filato caratteristico, proposto nella fierezza di colori sgargianti, che più gli fanno onore. more

5937

| Il tweet del mercoledì | In olio veritas

Non sarà sfuggita la recente tirata d’orecchie ai soliti brand da scaffale, rei di spacciare per eletti oli che di extra vergine hanno semplicemente la dicitura o lo sono, se si è fortunati, ma in versione scadente.
Snocciolare le preziose virtù dell’osannato elisir di lunga vita, elemento cardine della buona cucina, è fin pleonastico, quasi quanto ribadire la celebre affermazione di Feuerbach. more

743

| Il tweet del mercoledì | Psiche e follia

Apuleio in Le Metamorfosi narra di Amore e Psiche, le cronache attuali raccontano raccapriccianti storie con protagonista Psiche, nessuna ombra d’Amore. Nulla di sentimentale, abbondanza di cinico. L’informazione martellante non aiuta: amplificando il macabro, lusinga menti altamente influenzabili di disturbati che anelano al protagonismo, in negativo, ma poco importa. more

751

| Il tweet del mercoledì | The Cal

Da più di mezzo secolo il primato dei calendari spetta al Pirelli, non a caso battezzato The Cal, con i suoi dodici mesi patinati di esclusività. I requisiti che lo hanno reso un cult sono i grandi assenti nella nutrita concorrenza, spoglia di allure internazionale: tiratura limitata, scopo non commerciale, qualità degli scatti, singolare ricerca, nomi importanti davanti e dietro l’obiettivo. more

664